Cerchi un Prestito?

Trova l'agenzia più vicina a te!

from
Quanto vuoi estendere la ricerca?

Prestiti: il 78,7% degli italiani li richiede per comprare auto e moto

Mer, 05/07/2017 - 17:02 -- LuanaB
Crif-prestiti-auto-2016

I nuovi dati Crif - che per la prima volta si dedica al settore dei motori, hanno rilevato che nel 2016 quasi l’80%, in dettaglio il 78,7% degli italiani ha richiesto prestiti finalizzati per acquistare auto e moto. Solo il 20% delle richieste di finanziamento sono state destinate al settore dell’elettronica, all’arredamento, alla sanità, le vacanze, le spese per la casa ed il tempo libero.

Secondo i dati della ricerca, quindi, nel corso del 2016 gli italiani hanno preferito richiedere un prestito per comprare una macchina, piuttosto che per arredare la propria abitazione o per le vacanze. Infatti, i prestiti finalizzati per l’acquisto di auto e moto hanno fatto registrare un aumento del 21,8% dell’ammontare del credito erogato rispetto al 2015.

Nel complesso, la maggior parte delle richieste di prestito sono state dedicate all’acquisto di auto nuove, con una percentuale dell’80,3% dei prestiti totali. Per l’acquisto delle auto nuove per le captive (le compagnie finanziarie subordinate alle case automobilistiche) la percentuale è salita del 91,9%, con un +26,2% rispetto al 2015. Nella maggior parte dei casi, dunque, il cliente che ha richiesto un finanziamento lo ha fatto per un’auto nuova e lo ha firmato direttamente in concessionaria.

Per quanto concerne gli importi dei prestiti, essi si sono concentrati tra i 10 e i 15 mila euro per le auto e tra i 5 e 10 mila euro per le moto. La maggior parte delle richieste ha riguardato la fascia di età compresa tra i 45 e i 54 anni, con il 26,9%. Seguita dalla classe dei 34 – 44 anni, con il 22,1%.

Le regioni che hanno registrato gli incrementi maggiori di richieste di prestito per l’acquisto di auto sono stati il Molise con +31,5%, il Friuli Venezia Giulia con +27% e il Veneto con +25,4%. Per i prestiti per l’acquisto di moto, invece, le percentuali maggiori hanno riguardato la Valle d’Aosta con +38,1% ed il Molise con +36,6%.